Template Joomla scaricato da Joomlashow

Casa Grande Il Nespolo ONLUS

  

 

Novembre 2017. Adriana Rindi e sua figlia Giulia sono reintrate in Italia. Adriana sta molto meglio ma ha ancora bisogno di cure riabilitative.

27 settembre 2017. Adriana, la Presidente della nostra associazione, è ancora nella sua casa di Zanzibar con la figlia Giulia. Le condizioni di salute di Adriana, seppur lentamente, migliorano giorno per giorno, ma purtroppo non al punto da permetterle il rientro in Italia.

Per quanto riguarda il nostro progetto a Zanzibar, in questo periodo è seguito da Giulia, per cui a piccoli passi sta procedendo.

29 agosto 2017. La Presidente della nostra associazione, Adriana Rindi, è finalmente tornata nella sua casa di Zanzibar. Deve ancora ristabilirsi ma un altro piccolo passo è stato fatto.

22 agosto 2017. Adriana, di nuovo in corsia da qualche giorno, ha dolori diffusi ma sta leggermente meglio. Stiamo aspettando che le sue condizioni fisiche le permettano il rientro in Italia per ricevere cure adeguate.

14 agosto 2017. Proprio nel giorno del compleanno della nostra cara Presidente, Adriana, a Makunduchi è arrivato il container da noi inviato dall'Italia. Giulia si è occupata di sistemarne il contenuto con l'aiuto di volontari del posto.

8 agosto 2017. A causa di un rischio di trombosi ad una gamba, Adriana è stata riportata in terapia intensiva. 

1 agosto 2017. Giulia, la figlia della presidente della nostra associazione, ci comunica da Zanzibar che finalmente Adriana è uscita dalla terapia intensiva ed è ricoverata in corsia, dove riceve le cure e l'assistenza necessarie, e ha iniziato un percorso di riabilitazione motoria con fisioterapista. Purtroppo l'ematoma alla testa si è ridotto solo in minima parte per cui Adriana non ha ancora riacquistato del tutto le facoltà cognitive; i medici affermano che è normale conseguenza del trauma subito e che bisogna attendere l'assorbimento dell'ematoma. Vi ringraziamo anche a nome di Adriana, Giulia e Nicola del sostegno morale ed economico ricevuto fino ad ora. Vi terremo aggiornati.

 27 luglio 2017. Il Direttivo dell'associazione Casa Grande "Il Nespolo" e i figli della presidente, Adriana Rindi, sono a conoscenza dell'iniziativa degli amici di Adriana per aiutare lei e la famiglia nel sostenimento delle spese mediche, e ringraziano sentitamente tutti coloro che aderiranno.

19 luglio 2017. Cari amici e volontari, Giulia ci riferisce da Zanzibar che le condizioni di Adriana sono stazionarie ma in fase di miglioramento. Vi invitiamo in questo momento a non contattare Giulia, bensì la referente in Italia, Ambra Giomi:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Nei prossimi giorni daremo ulteriori aggiornamenti.  

17 Luglio 2017. Il consiglio direttivo di Casa Grande Il Nespolo informa tutti i volontari, i soci e gli amici che la presidente Adriana Rindi ha avuto un incidente mentre faceva ritorno alla sua residenza in Zanzibar. È ricoverata al Tasakhtaa Global Hospital di Zanzibar con trauma cranico. I medici, tuttavia, hanno riferito un progressivo miglioramento. Adriana é assistita dalla figlia Giulia che l'ha raggiunta immediatamente dall'Italia. Per ogni comunicazione inerente l'associazione preghiamo di contattare la referente Ambra Giomi ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) e di non utilizzare il numero di Adriana, al momento non disponibile.  

Vi terremo aggiornati sugli ulteriori sviluppi. 

 

AGGIORNAMENTO DEI NOSTRI PROGETTI RELATIVO AL 2016

In collaborazione con la Dimora del Ki e l’Università Popolare di Pisa “Le Mimose” continuiamo ad operarci per dare conforto e sostegno alle persone bisognose che si rivolgono a noi anche tramite gli Enti. 

Provvediamo a raccogliere e ad inviare aiuti (farmaci, vestiario e denaro) tramite container alle zone disagiate e bisognose. Collaboriamo con la Missione St. Michael’s in Zimbabwe dove forniamo  aiuti per la cura dei malati  e dove abbiamo fatto costruire una casa di cura per i malati di AIDS (“Casa di Alessia del Nespolo in fiore”), struttura che al momento ha bisogno di manutenzione. 

Gli orfani della Casa di Mariele, dopo il decesso della Dottoressa Maria Grazia Buggiani, sono  stati affidati alle cure delle Suore Pie dell’Addolorata cui, grazie al premio Cuore Amico, abbiamo destinato  50.000 € che sono stati utilizzati per la ristrutturazione dell’orfanotrofio e la messa a punto di varie attivitá lavorative quali la costruzione di un  porcile, il pollaio, la conigliera e la coltivazione di frutta e verdure per la necessità della Missione. Noi, nel nostro piccolo, continuiamo  a fornire supporto mediante adozioni a distanza, cure antivirali ed invio di container sia per l’orfanotrofio che per l’ospedale. L’Ospedale Saint Michael ha bisogno di importanti  ristrutturazioni. Ho avuto una riunione con il COSV per attivare anche questo aiuto, non indifferente; appena possibile andrò personalmente  alla Missione e a parlare con il vescovo di Harare   per fare un preventivo  dei lavori e  del  denaro  necessario   per la ristrutturazione dell’ospedale e poterlo  pubblicizzare in rete. 

Ogni anno dedichiamo le nostre risorse anche ad altri progetti  come quello in  Kenya,  in cui in ottobre scorso la nostra referente in loco, Katiuscia  Bechini, ha ottenuto la donazione esclusiva per Casa Grande Il Nespolo di un terreno  di 1500 mq.su cui sono state costruite 4 aule  per la scolarizzazione  dei bambini di Majaoni -Mida è nata “Casa Grande il Nespolo Onlus ACADEMY”. Al momento paghiamo una tassa al Chif (comune di Watamu), dobbiamo ancora registrare sia il terreno che la scuola a Nairobi. ll nostro impegno, doveroso, una volta  tutto regolarizzato e registrato, é continuare a sostenere questo progetto e come priorità  costruire le  quattro aule mancanti per arrivare alle 8 classi in modo da completare il percorso scolastico   delle  scuole elementari e medie e una cucina  per dare un pasto a chi resta fino alle 16.00 con orario continuato. Il progetto comprende anche un alloggio per volontari ed un dispensario medico  per le urgenze. 

In Madagascar, con il nostro contributo di 500 € continuiamo a scolarizzare 100 bambini nella nostra scuola (TYSHARA) Casa Grande IL Nespolo onlus) e a  mantenere la struttura. In Congo, abbiamo sospeso la collaborazione per difficoltà  e spese insostenibili di invio degli aiuti. 

In Tanzania  a Zanzibar Località Makunduchi Kajengwa  abbiamo ottenuto dal Governo  79.000 mq.di terreno in esclusiva  proprietà di Casa Grande il Nespolo per la costruzione della Casa Famiglia Bambini di Luce. E’ un progetto molto difficoltoso e impegnativo  ma siamo molto fiduciosi e, credendo nell’aiuto del prossimo, un così  grande  terreno diventerà il Villaggio della Luce grazie anche all’accordo degli abitanti del luogo. Io personalmente come Presidente  mi sento mamma e nonna di tutti questi bambini; essendo un progetto molto importante ho deciso di trasferirmi sul luogo del progetto stesso in modo da poterlo seguire personalmente. 

Supportiamo il reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Santa Chiara di Pisa. 

Le nostre sedi distaccate sono state chiuse: quella di Torino in quanto la responsabile Felicita Foscaldi, per impegni familiari e di lavoro, non poteva più proseguire il suo impegno; la sede di Vasto Marina perché la responsabile Roberta Di Lello ha rinunciato per impegni familiari, la Sede di Lucca con Roberto Bertolozzi e la sede di Ferrara con Patrizia Conti sono state chiuse in quanto non consone alle regole che l’Associazione stessa si è sempre proposta. 

Abbiamo anche altri  progetti in cantiere come, ad esempio, creare un centro per svolgere attività di accoglienza e ascolto, aiuti e promozione di iniziative spirituali e naturalistiche con la possibilità di creare opportunità di lavoro. Ovviamente, siamo aperti a ricevere consigli  e aiuto sul nostro operato. Troviamo non poche difficoltà a reperire fondi e sovvenzioni e soprattutto permessi e patrocini dagli Enti predisposti per tutti i nostri progetti ma perseveriamo nel perseguire questo importante intento di solidarietà umanitaria.  

   

AVVISO: PER PROBLEMI TECNICI, ATTUALMENTE L'UNICO NUMERO DI TELEFONO ATTIVO, ANCHE VIA WHATSAPP, è IL 339-7718585

 

   CLICCA QUI PER INFORMAZIONI SUL NOSTRO PROGETTO A ZANZIBAR 

 

 IL PROGETTO KENYA SU FACEBOOK
CLICCA QUI

 

IL PROGETTO ZANZIBAR SU FACEBOOK 
CLICCA QUI

   

IL PROGETTO ZIMBABWE SU FACEBOOK 
CLICCA QUI

 

Clicca qui per aggiornarti sulle attività da noi organizzate (incontri, convegni, seminari, corsi, pellegrinaggi, ecc.)

  

 

30 OTTOBRE 1993 - 20 DICEMBRE 2016

 

Casagrande Il Nespolo ONLUS
Via Emilia, 58 Loc. Arnaccio di Cascina (PI)
C.F.: 90031070502

Casa Grande Il Nespolo è un'associazione culturale, spirituale e di opere socio-sanitarie (Onlus) che si propone di dare un insegnamento verso i valori di fede, di spiritualità, di carità, di cultura, di rispetto alla vita e d'aiuto a chi ne ha bisogno. Non persegue scopi di lucro, è apolitica e di ispirazione cattolica.

Il progetto è nato dal cammino spirituale di una mamma affranta per la perdita dell'adorata figlia Alessia. Per due anni questa mamma è rimasta accecata dal dolore (intorno a lei solo buio e disperazione) ma eventi d'eccezionale e sorprendente origine naturale hanno portato messaggi d'Amore, di Luce, di Speranza e di Vita oltre la Vita.

Così, anno dopo anno, in questa mamma, con l'aiuto di amici di Alessia e di altri genitori accomunati dal suo stesso dolore, si è sviluppato sempre più forte il desiderio di dare al prossimo e a chi ne ha bisogno, specialmente ai giovani (le colonne della nostra società di domani) la Sicurezza, il Benessere Spirituale, l'Amore, la Speranza e la Fiducia nella vita terrena che si vanno perdendo nella nostra società, dominata dal consumismo, il desiderio di stimolare ogni persona ad essere in pace con se stessa, rafforzando la volontà di andare avanti, in una crescita interiore, spirituale, con fiducioso ottimismo e positività per tutti i problemi che la vita ci pone davanti, con vera fede cristiana. 

"Quello che facciamo è come una goccia nell'oceano ma, se non lo facessimo, l'oceano avrebbe una goccia in meno"